Cerca
  • AGS

Affidamento familiare consensuale e limiti di controllo (Art. 9, commi 4° e 5°, Legge 184/1983)


Autore:

Emanuela Andreola

Titolo [Ita]:

Affidamento familiare consensuale e limiti di controllo (Art. 9, commi 4° e 5°, Legge 184/1983)

Title [Eng]:

Consensual foster placement of the child and limits to judicial control (Art. 9, paragraphs 4 and 5, Law no. 184/1983)

Data pubblicazione: 24/03/2021

Fascicolo: XXV - anno: 2020 - pp. 39-54.

Lingua: Italiano.

Abstract [Ita]

Il diritto del minore «a vivere, crescere, ed essere educato nell’ambito di una famiglia», da sempre al centro della disciplina sull’affidamento familiare, viene attuato in modo diverso a seconda che esso si realizzi all’interno o al di fuori della famiglia di appartenenza. Se nell’affidamento giudiziale inteso in senso ampio, la tutela pubblicistica dell’interesse del minore è assicurata dall’ordinamento mediante un sistema di obblighi informativi preventivi previsti dall’art. 9 L. 183/1984, l’affidamento ai parenti stretti che potremmo definire “privato”, o informale, sembra essere sottratto all’ingerenza pubblica, dal momento che non sono imposti ai parenti entro il quarto grado obblighi di segnalazione in senso tecnico. Il particolare favor previsto dall’ordinamento per l’assistenza privatistica e consensuale, sebbene rispondente alla necessità di riconoscere ai genitori esercenti la responsabilità genitoriale il potere di affidare i propri figli a persone di fiducia, apre una fenditura nel sistema delle garanzie elaborate dalla legge e dalla giurisprudenza che impone di verificare la legittimità della soluzione in relazione alle ipotesi nelle quali tale affidamento si presenti pregiudizievole per il minore.

Abstract [Eng]

The right of the child to «live and to be raised and educated within a family environment» has always been the core issue of foster placement rules. However, it has been differently implemented according to whether the frame of reference was still the original family or another family context. As far as judicial foster placement is concerned, the protection of the interest of the child is addressed through the information duties provided under art. 9 of Law 184/1983. On the hand, foster placement to close relatives (so called “informal” or “private” foster placement) appears, in principle, lacking any duty-to-inform framework. The positive inclination of the legal system towards the “informal” foster placement is an acknowledgement of the need that parents have to place their children in the hands of a familiar environment they trust upon. Notwithstanding, it is point of weakness if appreciated under the perspective of the legal safeguards constantly elaborated in favour of the child: therefore, there is a need for “informal” foster placement to be carefully assessed on a case-by-case basis in order to avoid that the child might be negatively affected.


Parole chiave: : art. 9 l. n. 183/1984, affidamento familiare, affidamento consensuale e giudiziale, tutela del minore, controllo pubblico.

Keywords: Art. 9 Law no. 183/1984, foster placement, consensual foster placement and judicial foster placement, interest of the child; legal control.



Leggi l'articolo completo in pdf.